Speciale Sanremo: Amara
Amara, al secolo Erika Mineo, è una cantautrice di Prato, che approda al Festival grazie ad Area Sanremo, dopo una lunga ed importante gavetta, che le ha già portato enormi soddisfazioni e premi di riguardo.
La sua musica racconta della gente, della vita di tutti i giorni ed il suo timbro vocale è inconfondibile. Il brano di Sanremo fa parte del primo album di Amara, Donna Libera, composto da dieci tracce molto diverse tra loro, dove si parla di speranze, di libertà, di perdite e abbandoni, cambiamenti e rinunce.
Quando Carlo Conti ha detto il mio nome, il sipario si è finalmente aperto su questa esperienza che desideravo vivere da molto tempo e a cui sono curiosa e felice di partecipare.

Vieni da una lunga gavetta, hai anche studiato presso il CET di Mogol.  All’opposto del tuo percorso, quest’anno a Sanremo ci sono artisti che in poco tempo sono riusciti a qualificarsi tra i big. Cosa ne pensi?
Ognuno ha il suo percorso!
Com’è stata la tua esperienza ad Area Sanremo?
È stata un’esperienza che mi ha insegnato a non arrendermi mai, e che, in un modo o nell’altro, mi ha portata fino a qui.
Credo è il brano che porterai a Sanremo. Di cosa parla?
“Credo” è un brano che si racconta da solo. C’è stato un momento in cui ho temuto di non credere più a niente. Scrivendola ho ritrovato la luce, la forza e la speranza di continuare a credere.
Stai anche lavorando al tuo primo album, puoi darci qualche anticipazione al riguardo?
“Donna libera” è un album che parla di libertà. Siamo sempre liberi di scegliere cosa fare, cosa pensare, cosa dire e in cosa credere, ovviamente nel rispetto di se stessi e degli altri. Non abbiamo seguito uno standard, ci siamo presi molte libertà, insomma è un disco senza censure, e ogni brano appartiene a un diverso mondo emotivo, musicale e letterario.
C’è un artista tra i big che ti appassiona particolarmente?
In generale non c’è un artista che mi appassiona di più rispetto ad un altro. La musica è di tutti e ognuno merita “quel” momento. Posso dirti che mi innamoro più di un progetto musicale piuttosto che dell’artista in sé.
Vi lascio con il link per ascoltare il suo brano sanremese.
http://www.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-a6b8954b-b1ed-40af-b89f-ec7961b43b7f.html
Egle Taccia
 
http://credit-n.ru/zaymyi-next.html