Ciao!

Ho da poco realizzato un’intervista a Daniele Cortese, in arte Razza Krasta, che da poco ha intrapreso la carriera da solista dopo l’esperienza in Santacrew e la collaborazione con Chiara Iezzi. Il ragazzo è di Agrigento, ma vive a Milano, è appena uscito col singolo “Luce dal Buio” e in estate è prevista anche l’uscita dell’album “After Rap”.

Leggete quello che mi ha raccontato!

Come hai cominciato?

 Ciao, ho cominciato a fare musica prestissimo, davvero molto piccolo, a soli 4 anni ho iniziato a studiare il pianoforte, crescendo ho conosciuto tanti altri ragazzi/e con la mia stessa passione e così tra una garage band e l’altra ho iniziato ad amare l’adrenalina che il palco dà agli artisti che si esibiscono. A 16 anni ho conosciuto la musica Rap, al tempo suonavano i Colle Der Fomento, gli OTR  con la Pina, Esa, Kaos, Bassi Maestro, Sottotono ecc., adoravo il rap e sopratutto il rap americano ( 2PAC, BIG, Dre ecc.), così ho iniziato a scrivere i miei primi testi e, dato che sapevo suonare il pianoforte, a provare a produrre le prime “basi”; a quel punto mi sono ritrovato grande e pur avendo avuto nella mia esperienza tantissime passioni, che sono andate e venute, quella per la musica è sempre rimasta vivida ed al primo posto.
Quali sono i tuoi idoli musicali?
Idoli, è una parola importante … devo dire che come mio idolo, se vogliamo usare questo termine, per me è e rimarrà sempre il grande Michael Jackson… pace all’anima sua? ;).
Apprezzo molto come Rapper  Rakim, 50Cent, Dre, Lyon Dog ( Snoop ), ma amo tutta la musica in generale, mi piace la bella e buona musica, quella fatta con il cuore, che dice qualcosa e che mi lascia qualcosa, sia in positivo che in negativo o più semplicemente la musica che mi fa distrarre o divertire.
Parlaci del tuo nuovo disco in uscita “After Rap”.
 AfterRap è proprio l’espressione della mia passione verso la musica, in ogni genere essa possa essere rappresentata. Dentro AfterRap si ritrovano sonorità che spaziano dalla Dance, al Rock, alla Dance Hall, allo Swing; è davvero un lavoro molto poliedrico e credo che sarà difficile classificarlo sotto un genere, anche se rimane come filo conduttore la lirica rap, la rima, mezzo con il quale si possono esprimere concetti in maniera più diretta rispetto alla lirica cantata in cui funziona bene la “metafora” o l’associazione per immagini, dato che appunto i testi cantati in genere sono più brevi in termini di numeri di parole, che la metrica consente rispetto al rap. Sono 15 brani, e dentro ci saranno anche degli ospiti con cui  ho avuto il piacere e l’onore di condividere dei brani molto sentiti e che spero “arrivino” all’anima degli ascoltatori. Non avendo una Label dietro, ma essendo in trattativa con diverse etichette non ha ancora una data certa di uscita, quello che è certo è che sarà fuori questa estate da solo o con un’etichetta; il disco è pronto, è caldo, è bello, è AfterRap! 🙂
“Luce dal Buio” è il primo singolo estratto dal disco, vuoi parlarcene?
Volentieri, Luce Dal Buio è un brano che ho scritto quasi un anno fa, è stato scritto in un momento abbastanza difficile, davvero cupo, dal quale sono riuscito a tirarmi fuori grazie alle persone che mi sono accanto, ma sopratutto grazie alla Fiducia che ho nei confronti dell’universo; non voglio apparire come un amante della new age o cose simili, ma sono convinto che le cose che accadono non sono casualità ma delle vere e proprio sfide, o prove, da superare per evolversi e per crescere, ogni cosa anche quella che ci sembra la più terrificante serve a noi stessi e quindi dobbiamo stringere i denti e sgombrare il cuore da ogni paura e avere fiducia perché appunto … la luce arriva…sempre!
Che tipo di messaggio vuoi lanciare con le tue canzoni?
Tolto il brano “Luce dal buio” appunto dove mi permetto di dare un messaggio, o quantomeno ci provo, l’intenzione è quella di non scrivere mai i pezzi per dire cosa bisogna fare, o lanciare uno slogan, un’ideologia politica, religiosa o di sorta. Le canzoni che compongo e scrivo vengono da sole, è come quando si sintonizza una stazione radio in una data frequenza, capti un segnale, io faccio da antenna in questo etere ricco di segnali e faccio da ripetitore… mi dà tante emozioni riuscire a “sentire” queste canzoni e riproporle… quando sono pregne di significati è ancora meglio, ma possono essere anche semplice e puro intrattenimento, l’importante è che la gente che le ascolta, smetta di pensare per 3 minuti alla sua vita e si goda la vibrazione.
Dove ti potremo ascoltare nei prossimi mesi?
Sicuramente potrete scaricare i brani dagli store digitali, iTunes, Amazon, Google Play ecc, i brani usciranno anche su Spotify quindi sarà possibile ascoltarli anche lì. Molte radio stanno iniziando a passare il singolo, spero che i direttori artistici delle emittenti più grosse apprezzino il lavoro e decidano di programmarlo, premiando gli sforzi di chi da solo prova a farsi sentire e ci mette corpo e anima. Sono aperto ad ogni canale ovviamente ma non voglio fare progetti o sbilanciarmi su “promesse”,  navigo un po’ a vista. Per chi volesse tenersi aggiornato sulle uscite, date, video ecc. può comunque fare riferimento alle mie pagine social, che approfitto per ricordare che sono:
Andiamo tutti ad ascoltare “Luce dal Buio” e stiamo sintonizzati per l’uscita di “After Rap”!
L’intervista: Razza Krasta

http://credit-n.ru/zaymyi-next.html